E con le feste alle spalle e un nuovo anno all’orizzonte, che si cade a fagiuolo nella scontatissima trappola dei buoni propositi.

Ebbasta perdinci, che tanto poi non se ne esce dal circolo vizioso. Dei dieci buoni propositi (di cui 6 nuovi e 4 ereditati dall’anno precedente) ne porterete a compimento sì e no la metà, che si aggiungeranno a cascata a quelli rimasti in sospeso dell’anno prima e di quello prima e di quello prima ancora… come quella famosa palla di neve che a valle diventa una valanga. Prendiamo le diete, per esempio. Non sentite l’odore acre delle frottole quando vi promettete di perdere tot chili in un determinato frangente di tempo? E quando navigate su internet o sfogliate le riviste di gossip e vi fate entusiasmare dall’ultima dieta dei Vip, non sentite il fischio stridente della presa per i fondelli?

Ma chi siamo noi per dirvi cosa fare e cosa non fare? Quello della dieta all’inizio dell’anno è un MUST, una tradizione, un rituale e come tale lo rispettiamo. Ed ecco alcune tra le diete più particolari, buffe, bizzarre, insensate e aliene che abbiamo trovato spulciando qua e là. 

Non siamo dietologi. Non siamo medici. Siamo a malapena in grado di distinguere i lipidi dai lividi e i radicali liberi dai seguaci di Pannella un po’ fricchettoni. Quindi non stiamo suggerendo un bel niente. Non siamo responsabili di niente. Ma proprio niente. Innocenti, intonsi e immuni, siamo.

 

LA DIETA FREEGAN

dieta

Riassumibile in “Magno tutto purché sia gratis“. Detta così potrebbe essere scambiata per la famosa “Dieta del clochard” – molto di moda in tempo di crisi – ma va forte in Paesi come la Germania o quei posti ancora più a Nord dove fa molto freddo, fa buio sei mesi l’anno, ma tutto ciò è compensato da un welfare stile “Eden in Terra”. In questi Paesi effettivamente si può riuscire a mangiare più o meno gratis senza andare a frugare nella spazzatura. I supermercati infatti danno delle ricompense in cambio dei vuoti (le strade ne sono sgombre… ma toh, guarda!) e molti prodotti vengono distribuiti gratis se invendibili (confezioni fallate) o a pochi giorni dalla scadenza. 

 

LA DIETA DEL VERME SOLITARIO

dieta2

2014_10_01_shutterstock_172653941-600x450_rsz_crp

Selfie del parassita

Vorreste perdere fino a 5 kg al mese? Sì!

Vorreste perdere fino a 5 kg al mese senza fare sport? Siiiiii!!!

Vorreste perdere fino a 5 kg al mese senza far sport e mangiando tutto quello che volete? Siiiiiiiii!!!!!

Ecco, allora mangiate le uova di un verme parassita lungo dai 5 ai 10 metri formalmente conosciuto come Tenia o verme solitario, che vi si attaccherà coi dentini tipo ventosa all’imbocco tra stomaco e intestino e vi ruberà tutto il cibo che ingerite.

 

LA DIETA DEL SONNO

dieta3

Se non sei sveglio non puoi mangiare. Su questo limpido e lapalissiano concetto si basa questa dieta adatta agli inetti, ai pigri, agli ignavi, ai fiacchi, agli inoperosi, agli oziosi, agli svogliati a… insomma a che non ha voglia di mettersi neanche a dieta.

LA DIETA BRETHARIANA

dieta4

Un’altra dieta che si basa sul non mangiare, o meglio, si basa sul non mangiare per via orale, ma di assimilare le energie del cibo attraverso lo yoga e la meditazione. Ellen Greve aka Jamuheen è una saggista australiana che ha scritto diversi libri sul concetto di “nutrirsi di luce” e sulla questione ci ha fatto su un po’ di danari. Nel 1999 è stata invitata da una trasmissione Tv a dimostrare le sue tesi. Ma già dopo 48 ore iniziò a mostrare sintomi di disidratazione e ipertensione. La Greve diede la colpa allo stress e all’inquinamento. La trasmissione fu spostata in montagna, tuttavia, nel corso di pochi giorni la scrittrice perse 6 kg, mostrò le pupille dilatate e la facoltà di parlare appariva rallentata. L’esperimento venne sospeso.

 

LA DIETA FLETCHERIZING

dieta5

Del consiglio di masticare piano, bene e con la bocca chiusa – altrimenti ci si riempie d’aria – ne siamo già a conoscenza. Del dover masticare ogni boccone almeno 32 volte precise-precise, non ne eravamo a conoscenza. Ma  “la natura castigherà chi non mastica” diceva all’inizio del XX secolo il Dottor Fletcher, inventore della dieta Fletcherizing. Bizzarro? Non più di tanto se pensiamo che sostenesse anche che non bisognerebbe mai mangiare quando si è tristi, arrabbiamo o affamati. O che studiò per tutta la vita le feci umane convinto che fossero la più autentica forma di comunicazione tra noi e il nostro corpo. Masticate molto e leggete nel fondo del water. Ecco la summa.

Nessuna di queste diete fa al caso vostro e anzi, vi è venuto un certo appetito? Scaricate l’App di JUST EAT e ordinate il vostro pranzo e la vostra cena a domicilio. Et voilà!

footermobile